Becchin'amor! - Che vuo', falso tradito

Cecco Angiolieri

Aldo Francesco Massera XIII secolo Indice:Prati, Giovanni – Poesie varie, Vol. II, 1916 – BEIC 1901920.djvu sonetti Becchin'amor! — Che vuo', falso tradito Intestazione 23 luglio 2020 25% Da definire

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
E' fu giá tempo, che Becchina m'era Da Giuda in fuor, neuno sciagurato
Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta Sonetti (Cecco Angiolieri)
[p. 89 modifica]

LII

Cerca perdono d’una sua colpa, ma non l’ottiene.

— Becchin’amor! — Che vuo’, falso tradito?
Che mi perdoni. — Tu non ne se’ degno.
Merzé, per Deo! —Tu vien’molto gecchito.
4E verrò sempre. — Che sarammi pegno?
— La buona fé. — Tu ne se’ mal fornito.
No inver’di te.—Non calmar, ch’i’ne vegno.
In che fallai? — Tu sa’ch’i’l’abbo udito.
8Dimmel’, amor. — Va’, che ti veng’un segno!
— Vuo’ pur ch’i’ muoia? — Anzi mi par mill’anni.
Tu non di’bene. —Tu m’insegnerai.
11Ed i’ morrò. — Omè, che tu m’inganni!
— Die te ’l perdoni. — E che, non te ne vai?
Or potess’io! —Tègnoti per li panni?
14Tu tieni ’l cuore. — E terrò co’ tuo’ guai. —