Avegna che partensa

Bonagiunta Orbicciani

Guido Zaccagnini/Amos Parducci XIII secolo Indice:Rimatori siculo-toscani del Dugento.djvu Duecento Avegna che partensa Intestazione 16 luglio 2020 25% Da definire

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta Rimatori siculo-toscani del Dugento
[p. 49 modifica]

I

È colpito dalla sventura; ma non perciò tralascerà di cantare
la gioia che gli viene a mancare.

Avegna che partensa
meo cor faccia sentire
e gravozi tormenti sopportare,
non lasseragio sensa
5dolse cantare e dire
una cusi gran gioia trapassare.
E rallegrare — altrui cosí feraggio
del meo greve damaggio,
per pianto in allegressa convertire;
10siccome la balena
di ciò che rende e mena
la parte là, u’ dimora, fa gioire.
La gioi’, ch’eo perdo e lasso,
mi strugge, mi consuma,
15comò candela ch’ai foco s’accende.
E sono stanco e lasso;

[p. 50 modifica]

meo foco non alluma,
ma quanto più ci afanno men s’apprende.
E non risprende — alcuna mia vertude:
20avanti si conchiude,
siccome l’aire quando va tardando;
e come l’aigua viva
ch’alor è morta e priva
quando si va del corso disviando.
25Disvio si che bene
senior di me no aggio,
non saccio com’eo vivo si gravozo.
Oh Deo! che non m’avene
com’al leon selvaggio,
30che tutto tempo vive poderozo
e odiozo — sensa pietate,
acciò che ’n veritatc
lo meo greve dolor mostrar potesse
e la mia pena agresta
35per opra manifesta,
perché la gente mei me lo credesse?
Credo che non feràe
lontana dimoransa
lo core meo, che tanta pena dura:
40mentre che viveràe
sera fòr di speransa
d’aver giamai solasse né ventura.
Ma se natura, — che nd’ha lo podere,
n’avesse lo volere,
45appena mi poria donar conforto.
Como l’augel che pia,
lo me’ cor piange e cria
per la malvagia gente, che m’ha morto.
Morto fuss’eo pertanto
50o nato non fuss’eo
o non sentisse ciò ch’eo veggo e sento;
perché ’l meo dolse canto

[p. 51 modifica]

amar mi torna e reo
e in erransa lo innamoramento!
55Ma ’l bon talento — ch’aggi’ e ’I cor gioioso
plagente ed amoroso,
comò la uliva non cangia verdura,
non cang’eo per ragione
di fina ’ntensione,
60ancor mi sia cangiata la figura.