Archimede non già, Fidia nè Apelle

Vincenzo Leonio

Indice:Zappi, Maratti - Rime I.pdf Sonetti Letteratura Archimede non già, Fidia nè Apelle Intestazione 5 novembre 2019 75% Da definire

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT


Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta Sonetti d'alcuni arcadi più celebri/Vincenzo Leonio


[p. 239 modifica]

IX1


Archimede non già, Fidia, nè Apelle

[p. 240 modifica]

     Quest’arti illustri, e vaghe a noi concesse,
     Che sann’in legni, in marmi, o in lini espresse
     Di Natura imitar l’opre più belle;
5Creolle il Fabbro eterno, e al Mondo dielle
     Quando nell’Uom sua grande imago impresse,
     Fermò nell’aria il suol, le sfere eresse,
     E in Terra i fior dipinse, e in Ciel le stelle.
Or non dovranno de’ Mortali a’ sensi
     10Oggetto offrir, che non sia onesto, e pio,
     E quale all’alta origin lor conviensi.
Che se ad altro lavor cieco desìo
     Muove la man; sorga la mente, e pensi,
     Che il primo Autor di sì bell’arti è Dio.


Note

  1. La Pittura, e la Scultura, e l’Architettura debbono conformarsi alle regole della moral Flosofia, e della vera Religione.