Amore, perché m'hai

Betto Mettefuoco da Pisa

Guido Zaccagnini/Amos Parducci XIII secolo Indice:Rimatori siculo-toscani del Dugento.djvu Duecento Amore, perché m’hai Intestazione 16 luglio 2020 25% Da definire

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta Rimatori siculo-toscani del Dugento
[p. 181 modifica] [p. 182 modifica]

Vivendo in isperanza,
son gai’ e fresco e raffino ’n servire;
25né lo meo pensamento
non può escir di tormento,
pensando a farv’onore,
donna di gran valore, — pienamente:
ca per lo vostro bene
30mi pare escir di pene,
cusi forte mi piace,
piò che lo meo non face — fermamente.
Or dunqua com’faraggio,
poi la mia malatia
35non oso adimostrare
a chi mi può guerir e far gioioso?
Ben so che ne moraggio
di corto qualche dia:
nonde poro campare,
40se no m’aiuta ’l viso grazioso,
per cui piango e sospiro
tuttor, quando la smiro,
e dico ’nver’di mei:
— Lasso! Perché colei — eo amai tanto r"
45Possa riprendo ’l dire
e’ ho fatto e dico: — Sire
Deo, cotal fenita
facesse la mia vita — e fora santo! —
Madonna, penso forte
50de la mia natura
che passa l’assessino
del Veglio de montagna disperato;
che per metersi a morte
passa in aventura;
55e gli è cosí latino,
noi gli è gravoso, ch’egli è ingannato.
che ’l Veglio a lo’ ’mprimero
lo tene in del verdero,

[p. 183 modifica]

e fai parer che sia
60quel che fa notte e dia — di bono core.
Ma io, ched ho veduto
lo mondo e conosciuto,
agio ferma credenza
che la vostra potenza — sia magiore.
65S’eo sono inamorato
cosi in dismisuranza,
e’ credo fare acquisto
due cose: quelle ond’io fallo e son saggio.
Saggio son: che fermato
70so senza dubitanza
là ’ve compose Cristo
bellezze tante, ch’altrui fann’oltraggio;
che son si sprendiente,
ch’io non posso neiente
75contarle bene e dire:
che fa tutto avenire — a chi la guarda.
Fallo: ch’amo l’altezza,
somma di gentilezza
al meo parer che sia,
in cui tutto m’avia — arimembrando.