Amor s'ha il mio voler miso di sovra

Pannuccio dal Bagno Pisano

Guido Zaccagnini/Amos Parducci XIII secolo Indice:Rimatori siculo-toscani del Dugento.djvu Duecento Amor s’ha il mio voler miso di sovra Intestazione 17 luglio 2020 75% Da definire

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta Rimatori siculo-toscani del Dugento
[p. 179 modifica]

XXI

Amore ha preso tutta la sua anima ed è porto d’ogni sua virtú.

     Amor s’ha il mio voler miso di sovra;
s’ovra — non falla, giammai non diviso
che sua virtù da me sia punto sovra,
s’ovra — sí forte lo parer diviso.
     E l’alma ha vinta ognor, se poso o s’ovro,
s’ovro, — è da me non mai punto e’ diviso,
tutto non com’elli è tanto sovro,
s’ovro, — da me astenne saetta di viso.
     E quello amore in me, che tanto porto,
porto — è d’onne virtù, non sol di parte
parte — , da cui non mai lei tanto regna,
     in che pensando benenanza porto;
porto — sentir di lei m’è d’onne parte,
parte — di ben di sé vero in cui regna.