Apri il menu principale

Allocuzione nei funerali del pittore Andrea Appiani

Giovanni Berchet

1912 A Indice:Berchet, Giovanni – Scritti critici e letterari, 1912 – BEIC 1754878.djvu Letteratura Intestazione 12 novembre 2017 25% Da definire

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT


Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta Opere (Berchet)/Scritti critici e letterari


[p. 59 modifica]

III

ALLOCUZIONE

Nei funerali del pittore Andrea Appiani

celebrati nella chiesa della Passione

il giorno 10 di novembre 1817


Questo cadavere intorno a cui ci raduna l’onor nazionale e l’entusiasmo dell’ammirazione, questo cadavere era Andrea Appiani pittore. Giá da quattro anni un fiero colpo d’apoplessia lo aveva rapito alle arti ed all’incremento della gloria italiana; ma egli vivea pur tuttavia. E la sua vita, quantunque infelice, era nondimeno un carissimo conforto alla famiglia, una speranza pe’ suoi amici. Un secondo insulto dell’apoplessia ruppe tutte le nostre speranze, ed egli non è piú. La chiarezza dell’ingegno, la dolcezza de’ modi, le virtú famigliari e cittadine, l’arte squisita, tutto insomma che piú fa illustre su questa terra, tutto perdemmo in lui; e di lui non ci resta che questo cadavere e la gloria del nome. La natura avea versato in lui tutti quei doni de’ quali era stata giá prodiga tanto verso Raffaello. Ella avea voluto che Appiani ne fosse l’emulo; e Appiani obbedí. L’alacritá con cui egli si diede agli studi piú profondi dell’arte, l’amore infinito, ardentissimo del bello a cui educò la propria anima, il sentimento della delicatezza ch’egli si procacciò col culto delle maniere piú gentili, svilupparono ed accrebbero i doni della natura. I tempi favorivano l’ingegno. Ed Appiani può dirsi per eccellenza il pittore del secolo.

Ogni lode verrebbe meno a voler dire delle maravigliose opere di lui. Ciascuno di noi sente nel fondo dell’anima ciò [p. 60 modifica]ch’egli fu, e la tristezza cambia l’inno di lode in un pianto. Ma questo pianto che accompagna la sepoltura dell’uomo grande, questo pianto che fa onore a chi lo versa, chi sa quando avrá fine? chi sa quando vedremo sorgere un artista a riparare il danno che la morte fece ora alla pittura? Ben è vero che di molte speranze abbonda la patria; ma avremo noi un altro Appiani?

Ogni lusinga futura non basta a scemare l’amarezza del presente dolore. Troppo abbiamo perduto, troppo! E per poter qui sostituire lunghe parole alle lagrime, bisognerebbe non essere italiani, non sentire profondamente la nostra sventura.