Al ladro, al ladro. Palemone, Oronte

Benedetto Menzini

Indice:Zappi, Maratti - Rime I.pdf Sonetti Letteratura Al ladro, al ladro. Palemone, Oronte Intestazione 16 novembre 2019 75% Da definire

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT


Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta Sonetti d'alcuni arcadi più celebri/Benedetto Menzini


[p. 276 modifica]

X1


Al ladro, al ladro. Palemone, Oronte,
     Olà gridate al ladro: in quella fratta
     Ve’ come si rannicchia, e giù s’appiatta;
     Oh oh, già sbuca, e sì rifugge al monte
5Cromi, veloce il piè volgi da fronte;
     Arriva, arriva. Oh quanta strada ha fatta!
     Oh Cieli, oh Dei Per così lunga tratta
     Chi fia, che più ’l raggiunga, e che ’l raffronte?
Così diceva Ergasto; e Cacco intanto
     10Si rise del Pastor, ch’era già fioco
     Per quell’inutil suo gridar cotanto.
Anzi giurò che a quel medesimo loco
     Più volte tornerebbe; e si diè vanto,
     D’aver la frode, ed il rubar per giuoco.


Note

  1. Rapina baldanzo.