Apri il menu principale
Faustina Maratti

1833 A Indice:Zappi, Maratti - Rime I.pdf Sonetti Letteratura Intestazione 5 novembre 2016 75% Canzoni

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT

Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta Rime dell'avvocato Gio. Batt. Felice Zappi e di Faustina Maratti sua consorte

[p. 44 modifica]

XXXV


Ah rio velen delle create cose,
     Nimica di virtute e di fortuna,
     T’è forza uscir dalla spelonca bruna,
     Ove il terror del sacro Eroe t’ascose.
5Mira in qual’alto penitenza ei pose
     Carro di gloria e qual grave importuna
     Serie di ceppi qui per te si aduna;
     Mira, e le man ti mordi abbominose.
Cinta già il collo da servil catena,
     10Fra i peggior mostri per tuo rio tormento,
     Avvinta al cocchio trionfal ti mena.
E dei seguirlo a passo tardo e lento,
     E fissar sempre in così orribil pena
     Tutt’i tuoi cento livid’occhi, e cento.