A un amico

Giovanni Prati

Olindo Malagodi 1844 Indice:Prati, Giovanni – Poesie varie, Vol. I, 1916 – BEIC 1901289.djvu sonetti A un amico Intestazione 23 luglio 2020 25% Da definire

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
A Dio (Prati) A Giorgio Byron
Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta V. Da 'Memorie e lagrime'

[p. 148 modifica]

8

A UN AMICO

Invidiarmi? Illuso! abbiti care
le dolcezze del tuo vivere oscuro.
Spensierato, se lasci il picciol muro
della tua casa e il patrio limitare.
Vedrai scaltre lusinghe, emule gare,
troverai contra te que’che tuoi furo:
sempre il ben tardo; il mal sempre maturo;
opre dovunque ambiziose e avare.
Passa pur fra la turba immaculato:
nel suo bruno mantel chiuso in disparte,
sempre il livor ti noterá in peccato!
Questa, amico, è la gloria: è questa l’arte
della fortuna. E poi si muor. Beato
chi ignoto arriva e ignoto se ne parte!