A nessun omo addivenne giá mai

Rustico Filippi

Aldo Francesco Massera XIII secolo Indice:AA. VV. – Sonetti burleschi e realistici dei primi due secoli, Vol. I, 1920 – BEIC 1928288.djvu sonetti A nessun omo addivenne giá mai Intestazione 23 luglio 2020 25% Da definire

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
Amor, poi che del mio mal non vi dòle Unqua per pene, ch'io patisca amando
Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta I. Rustico Filippi
[p. 23 modifica]

XLIV

Ricorda alla donna come sia dovere di buon signore impedire che il servo muoia.

A nessun omo addivenne giá mai
ch’Amor prendesse altrui sanza veduta;
a meve è addivenuto: non pensai
4ca si forte pungesse sua feruta.
Ciré’ mi tormenta e dona pena assai,
se madonna amorosa non m’aiuta,
che m’ha in balia: ed io medesmo il sili,
8ché l’ho donato il cor sanza partuta.
Dunque mi dé’campare, ed a rasgione:
qualunque buon segnore a suo servente,
11che ’n lui ha messa tutta sua intenzone,
non dé’ soffrir che moia di neiente,
ché li sarebbe grande riprensione:
14questo fedel son io, donna valente.