A buona se' condotto, ser Chiavello

Mino da Colle

Aldo Francesco Massera XIII secolo Indice:AA. VV. – Sonetti burleschi e realistici dei primi due secoli, Vol. I, 1920 – BEIC 1928288.djvu sonetti A buona se' condotto, ser Chiavello Intestazione 23 luglio 2020 25% Da definire

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
Se 'l meo 'nnamoramento e fino core Ser Mino meo, troppo mi dai in costa
Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta III. Ser Mino da Colle
[p. 37 modifica]

I

N'n vttole aver che fare con un amico troppo poco saldo

A buona se’ condotto, ser Chiavello,
se tu favelli a posta di Durazzo;
ma far lo ti conviene, ché chiav’elio
4porta d’ogn’om, che di sé no’ è durazzo.
D’este parole eo so ch’io t’acchiavello;
risponda lo tuo senno non durazzo,
ché altrettanto, n’accerto chiavello,
8non razzerá lo tuo cavai du’ razzo.
Per ciò che tu se’ conosciuto, amico,
da’ prò’ e da’ valenti frale e vano:
11si che tu non sarai chirlanda mico.
Tu vivi e vai si come molti vano;
dici che ami, e certo tu ami co’
14omo di vento; e non pò’ dir: — E vano! —