A Ugo Foscolo

Giovanni Prati

Olindo Malagodi 1844 Indice:Prati, Giovanni – Poesie varie, Vol. I, 1916 – BEIC 1901289.djvu sonetti A Ugo Foscolo Intestazione 23 luglio 2020 25% Da definire

Alla malinconia Un giorno d'inverno
Questo testo fa parte della raccolta V. Da 'Memorie e lagrime'
[p. 142 modifica]

III

A UGO FOSCOLO



1
E tu, caldo di gloria e libertade,
ahi! d’Albion sotto le rupi brune,
dove il raggio del sol si pigro cade,
teco traesti l’ultime fortune.
E hai dovuto varcar l’atre lacune
pria di veder le maledette spade,
e i rei turbanti e le falcate lune
dar volta dalle tue belle contrade!
Ché Zante no, ma il riso tutto quanto
di Grecia a te fu patria, Ugo, che avesti
di Pindaro e Tirteo l’anima e il canto.
E pur nudo e ramingo, in piagge estrane.
aime! non lacrimato i di chiudesti.
Ecco, ingegni frementi, il vostro pane!

[p. 143 modifica]



2
Ma lungo il fiume dell’elisia valle
la verde riva appena ebb’egli presa,
che sentissi gridar dietro le spalle:
— Ugo, qua rompe ogni terrena offesa!
Guarda come di fior, d’erbe e farfalle
tinta è l’aria e la terra, e con che accesa
trepidanza gentil vincono il calle
l’anime di Ricciarda e di Tiresa,
e tua madre con lor, — Baci e saluti
fúr molti; e arrise la immortai pianura,
quand’ei narrò, senza dolor né sdegno,
rea mercede del canto, i combattuti
anni e l’ira e l’esiglio, e quanto dura
nelle memorie d’un afflitto ingegno.