A Carlo Porta

Alessandro Manzoni

1819 sonetti letteratura A Carlo Porta Intestazione 10 luglio 2013 75% sonetti

Sonetto beroldinghiano

 
Lingua mendace che invoca gli Dei
essendo in suo cuore ateo mitologico,
tu credesti ingannare i sensi miei
4con stile affettatamente pedagogico.

Del qual giammai creduto io non avrei
che mi stimassi tanto cacologico
da non discerner sensi buoni e rei
8sotto il velame del linguaggio anfibologico.

Falso avvocato ne fingesti difensore
per tirare in rovina il tuo cliente.
11O stelle! o numi! chi vide un tale orrore?.

E per tradire ancor più impunemente
pigliare un nome caro all'alme Suore
14come la tua inizial spergiura e mente!


Testi correlati