Testo in evidenza

Crystal Clear app kdict.png  Memorie storiche del Santuario della B.V. della Misericordia di Castelleone 100 percents.svg  di Bartolomeo Chiappa (1822)

Il principio del secolo xvi. fu un’epoca tra le altre, fatale all’Italia, e specialmente alla Lombardia, esposta per lunga stagione ai tristissimi effetti dei flagelli i più formidabili. Guerre accanite, e ben più terribili delle vedute da noi, devastarono per molti anni queste nostre Provincie, e vi introdussero il mal costume, e il dicadimento dell’ecclesiastica disciplina. Discordie, e fazioni intestine suscitate dal mal talento, e dalla prepotenza dei piccoli Tiranni, chiamati allora Signori, o Feudatarj, sempre in rivolta contro il lor legittimo Sovrano, non lasciavano pace ai poveri abitanti, che soccombevano inoltre sotto la fame per la penuria de’ viveri; e mali contagiosi mietevano a migliaja le vittime, o a meglio dire spopolavano gli intieri paesi. Da un quadro così funesto, cui presentò l’Italia per più lustri non interrotti, ben si può dedurre quali fossero le tristi vicende, che desolavano, come dissi, quella misera età. Ma quel Signore, che aggravò per tal modo allora la mano su queste terre a gastigo dei peccati del popolo, volle ancor ricordarsi delle sue misericordie, e usar del mezzo dell’Augusta sua Madre per annunziarle.


Vedi la cronologia di questa pagina.