Vostra piacenza — tien piú di piacere

Bonagiunta Orbicciani

Guido Zaccagnini/Amos Parducci XIII secolo Indice:Rimatori siculo-toscani del Dugento.djvu Duecento Vostra piacenza — tien piú di piacere Intestazione 16 luglio 2020 25% Da definire

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta Rimatori siculo-toscani del Dugento
[p. 84 modifica]

X

Ella ha in sé ogni cosa piacente, ogni valore, ogni conoscenza.

Vostra piacenza — tien più di piacere
d’altra piacente; però mi piacete.
E la valenza — avete in più valere
d’altro valor; però tanto valete.
Se caunoscenza — avete in caunoscére,
che caunoscenti cose cognoscete,
non è parenza — ch’ai vostro parere
s’aparegiasse; si gaia parete.
Altèra sovra l’altre inalturate,
lo meo volere vói ciò che volete;
cosi vostra volenza a sé mi trai.
Chera sovra l’altre rischiarate,
d’uno sprendore sprendente isprendete,
che più risprende che del sol li rai.