Apri il menu principale

Vezzosa erbetta e più del sonno molle

Giovanni Battista Cotta

V Indice:Zappi, Maratti - Rime I.pdf Sonetti Letteratura Vezzosa erbetta e più del sonno molle Intestazione 3 novembre 2018 75% Da definire

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT


Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta Sonetti d'alcuni arcadi più celebri/Gio. Battista Cotta


[p. 131 modifica]

VIII1


Vezzosa erbetta e più del sonno molle,
     Vaga giunchiglia al più bell’or simile,
     Candido giglio, il cui candor gentile
     A bianca neve intatta il pregio tolle;
5Croco e giacinto in verdi erbose zolle,
     Rose d’ostro dipinte, ond’arde Aprile,
     Narcisi alteri e violetta umile,
     E ogni altro fiore in fresca riva o in colle:
Sorgete omai, sorgete, e la nevosa
     10Stagion vi serbi alla capanna intorno,
     ove quel Dio, che vi creò, riposa.
colga ei solo, e ’l biondo crine adorno
     Abbiane, e culla tenera odorosa
     Di quelle paglie, ahi troppo dure, a scorno.

Note

  1. Per la Nascita di N. S. G. C.