Apri il menu principale
XVI - In cui il lettore intelligente si accorge che egli aveva indovinato, non ostante tutte le precauzioni dell’autore.

../XV ../XVII IncludiIntestazione 29 gennaio 2017 100% Da definire

XVI - In cui il lettore intelligente si accorge che egli aveva indovinato, non ostante tutte le precauzioni dell’autore.
XV XVII

[p. 65 modifica]


XVI.


In cui il lettore intelligente si accorge che egli aveva indovinato, non ostante tutte le precauzioni dell’autore.


Dopo lo scoppio, Quiquendone era immediatamente ridivenuta la città placida, flemmatica e fiamminga d’una volta.

Dopo lo scoppio, che del resto non cagionò profonda commozione, ciascuno, senza sapere perchè, macchinalmente ripigliò la via di casa sua, il borgomastro, appoggiato al braccio del consigliere, l’avvocato Zitto a braccio del medico Custos, Franz Niklausse a braccio del suo rivale Simone Collaert, ciascuno tranquillamente, senza rumore, senza neppure aver coscienza dell’accaduto, e già dimentichi di Virgamen e della vendetta. Il generale era ritornato ai confetti ed il suo aiutante di campo alle caramelle.

Tutto era rientrato nella calma, tutto aveva ripreso la vita solita; uomini ed animali, animali e piante, perfino la torre della porta di Audenarde, che l’esplosione — queste esplosioni talvolta sono meravigliose — che l’esplosione aveva raddrizzata! E quindi innanzi non mai parola più alta dell’altra, non mai discussione nella città di Quiquendone, non politica nè circoli, nè processi, nè guardie urbane! La carica del commissario Passauf cominciò ad essere una sinecura, e se non gli si tolse lo stipendio, gli è che il consigliere ed il borgomastro non seppero risolversi a prendere una deliberazione in proposito. Del resto, di tanto in tanto egli continuava ad apparire, senza saperlo, nei sogni dell’inconsolabile Tatanemanzia. [p. 66 modifica]


Quanto al rivale di Franz, abbandonò generosamente la leggiadra Suzel al suo innamorato, il quale s’affrettò a sposarla cinque o sei anni dopo questi avvenimenti.

La signora van Tricasse morì dieci anni più tardi nel termine voluto, ed il borgomastro si ammogliò colla signorina Pelagia van Tricasse, sua cugina, in condizioni eccellenti... per il fortunato mortale che doveva succedergli.