Tutte le donne, ch'io audo laudare

Rustico Filippi

Aldo Francesco Massera XIII secolo Indice:AA. VV. – Sonetti burleschi e realistici dei primi due secoli, Vol. I, 1920 – BEIC 1928288.djvu sonetti Tutte le donne, ch'io audo laudare Intestazione 23 luglio 2020 25% Da definire

Amor fa nel mio cor fermo soggiorno Come puote la gente sofferire
Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta I. Rustico Filippi
[p. 16 modifica]

XXXI

La sua donna è superiore a tutte le altre.

Tutte le donne, ch’io audo laudare,
parmi che lor non aggiano bieltate;
quando posso la mia donna membrare,
4son neiente le laude, che son date.
Ma’ che vorria ch’Amor tanto in parlare
mi desse graza, ch’io con veritate
savesse a tutta gente addimostrare
8com’è somma de l’altre donne nate.
Deo, ché maraviglia sembreria
a dir tanta smisura di bellezze,
11quante son quelle di madonna mia!
Per ch’io non posso dir le grand’altezze;
io non so se m’avvèn per gelosia,
14ch’io non oso nomar le sue adornezze.