Tre libri dell'educatione christiana dei figliuoli/Libro II/Capitolo 4

Libro II - Capitolo 4

../Capitolo 3 ../Capitolo 5 IncludiIntestazione 31 agosto 2009 75% cristianesimo

Libro II - Capitolo 3 Libro II - Capitolo 5


DEL SIMBOLO APOSTOLICO DETTO VOLGARMENTE, IL CREDO.

Il Simbolo de gli Apostoli, detto vulgarmente il Credo, è un summario de i misterri della nostra Santissima Religione; onde da gli antichi padri è chiamato regola della fede, percioche in esso brevemente si contiene tutto quello che si appertiene alla cognitione del vero Iddio, cioè alla unità della divinità, et alla trinità delle persone, et successivamente alla creatione del mondo, et di tutte le creature, alla redentione del genere humano, et finalmente a lo stato del secolo futuro, cioè alla eterna vita de i buoni, et alle eterne pene de i cattivi. Fù composta questa breve regola da i santi Apostoli, per inspiratione de lo Spirito santo; et come essi erano dodici, cosi in dodici sentenze, chiamate articoli la distinsero, ciascuno de i quali comprende dottrina di alcuna cosa, che distinta, et separatamente, con ferma, et indubitata fede ci conviene credere. Et è talmente ordinata questa mirabile, et celeste dottrina, che si divide in tre parti principali, nella prima delle quali si parla della prima persona della Santissima Trinità Dio padre onnipotente, et si descrive l’opera maravigliosa della creatione del mondo; nella seconda si ragiona della seconda persona della Santissima Trinità, Christo Giesù Signor nostro, unico et eterno figliuolo dello eterno padre, vero Iddio, equale, et consubstantiale al padre, nato della sustanza del padre innanzi a tutti i secoli, et vero huomo, nato della sustanza della madre, Maria Vergine, nel fine de i secoli, per operare nel mezzo della terra la nostra salute, per liberarci dal peccato, et reconciliarci con Dio nel suo pretioso sangue. Et per tanto in questa seconda parte si descrive l’admirabile misterio della humana redentione. Nella terza parte si parla parimente della terza persona della Santissima Trinità, chiama Spirito Santo, vero Iddio, eguale, et consubstantiale al padre, et al figliuolo, et si ragiona de i suoi divini effetti, nal governo della Chiesa Catholica, et nella nostra santificatione. Nel Simbolo adunque è raccolta, come in compendio, la dottrina della fede catholica, la quale chiunque fidelmente, et con ogni fermezza non crederà, non potrà salvarsi. Di questa fede habbiamo fatto professione nel santo battesimo, quando fummo ascritti alla militia di Christo, et perciò anchora questa confessione della fede, è chiamata con voce Greca Simbolo, che oltre le altre significationi, vuol dire un segno, et una tessera militare, per la quale si conoscono, et distinguono i soldati dell’un Capitano, da quelli dell’altro. Questa fede è quella che dobbiamo credere col cuore, confessar con la bocca, et manifestar con le buone opere, acciò si veda da tutto il mondo, di qual capitano noi siamo soldati, et acciò dopo haver noi combattuto legitimamente, per la gloria del nostro grande Imperatore contra il demonio, il mondo, et la carne, nostri et suoi nemici, riportiamo da lui giustissimo giudice, la giusta corona delle vittorie acquistate con la spada della sua gratia.