Rime (Guittone d'Arezzo)/Guai per l'arco sì mostra esser guerere

Guai per l'arco sì mostra esser guerere

../Appresso che fatt'agio discernenza ../Al turcascio, ch'a la centura porta IncludiIntestazione 12 settembre 2008 75% poesie

Guittone d'Arezzo - Rime (XIII secolo)
Guai per l'arco sì mostra esser guerere
Appresso che fatt'agio discernenza Al turcascio, ch'a la centura porta
[p. 273 modifica]

248

De la disposizione de l’arco, de le saitte, de la fiamma che porta

a le saitte el ditto Amore.

   Guai per l’arco sí mostra esser guerere,
per le saitte mortal feridore,
le quai desegnan l’esser, unde fiere
a morte peggio che s’il fa signore
   5di vari guai e di mattezze fere
per vano isguardo pascivo en core.
L’arco sí spone lo fonte del piacere,
unde avene smanante furore;
dal fuoco, unde accese son le guere,
10e’ par che sia un encendivo ardore,
il qual sí ’ntende lo fiero volere,
che per nulla copia si stuta fiore;
ché del fuoco simel natura tene,
   ché quanto più matera lui si gionge,
15più arde consumando ciò che ’nvene
e a null’altr’a bastanza si congionge.
   Per ch’ansí miri dico che a ciò vene
che la saitta fitta non disgionge,
volendola isferrar senza più pene,
20avegna che le ventri lá o’ si gionge.