Tegno de folle 'mpres', a lo ver dire

Guido Guinizelli

XIII secolo Canzoni duecento Tegno de folle 'mpres', a lo ver dire Intestazione 15 settembre 2008 75% Canzoni

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT

 
Tegno de folle ’mpres’, a lo ver dire,
chi s’abandona inver’ troppo possente,
sì como gli occhi miei che fér’ esmire
incontr’ a quelli de la più avenente,
che sol per lor èn vinti5
senza ch’altre bellezze li dian forza:
ché a ciò far son pinti,
sì come gran baronia di segnore,
quando vuol usar forza,
tutta s’apresta - in donarli valore.10
Di sì forte valor lo colpo venne
che gli occhi no’l ritenner di neente,
ma passò dentr’ al cor, che lo sostenne
e sentési plagato duramente;
e poi li rendé pace,15
sì come troppo agravata cosa,
che more in letto e giace:
ella non mette cura di neente,
ma vassen disdegnosa,
ché si vede alta, bella e avenente.20
Ben si pò tener alta quanto vòle,
ché la plu bella donna è che si trove
ed infra l’altre par lucente sole
e falle disparer a tutte prove:
ché ’n lei èno adornezze,25
gentilezze, savere e bel parlare
e sovrane bellezze;
tutto valor in lei par che si metta;
posso ’n breve contare:
madonna è de le donne gioia eletta.30
Ben è eletta gioia da vedere
quand’ apare ’nfra l’altre più adorna,
ché tutta la rivera fa lucere
e ciò che l’è d’incerchio allegro torna;
la notte, s’aparisce,35
come lo sol di giorno dà splendore,
così l’aere sclarisce:
onde ’i giorno ne porta grande ’nveggia,
ch’ei solo avea clarore,
ora la notte igualmente ’l pareggia.40
Amor m’ha dato a madonna servire:
o vogl’i’ o noll voglia, così este;
né saccio certo ben ragion vedere
sì como sia caduto a ’ste tempeste:
da lei non ho sembiante45
ed ella non mi fa vist’ amorosa,
per ch’ eo divegn’ amante,
se non per dritta forza di valore,
che la rende gioiosa;
onde mi piace morir per su’ amore.50