Sura un dagno de campagna

istrioto

Martino Fioranti 1835 Sura un dagno de campagna Intestazione 10 luglio 2018 25% Da definire

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT


In dialetto di Dignano del Sig. Martino Fioranti

Sonnitto

Sura un dagno de campagna
Ven ça, ven ça, che te favelli un po',
Zura de quil, che ti no se, de jeri:
Donca mi zivi a pascolà i sameri,

E me vidi vignì Bara Culò.
Corpo de Bejo! el me dis: Bara Momò,
Che jè incontrà ça sun dei mei porteri,
M'ò deitto, che tei è visto i me puleri

Colle me vacche a dagnizà in tel sò.
Vulla? Comù? Mei no te cridi un djavo,
Che lou coussei se servi del me non,
E per sta roba no me rompi el cavo.

Te lo farè mantegnei, no soin buffon.
Magari! magari pur! Te stimi bravo,
Che ‘l sentirò da mei bella canzion.

n dialetto di Dignano del Sig. Martino Fioranti

Sonetto

Su di un danno di campagna
Vieni qua, vieni qua, che ti parlo un po',
Di quello, che tu non sai, di ieri:
Dunque io portavo al pascolo i somari,
E mi vedo arrivare Barba Culò.

Corpo di Bacco! mi dice: Barba Momò,
Che ho incontrato qua sopra i miei recinti,
Mi ha detto che tu hai visto i miei asini
Con le mie mucche far danno nel suo podere.

— Dove? Come? Non ti credo un accidente
Che lui abusi così del mio nome,
E per questa cosa non mi preoccupo. —

— Te lo ricorderai, non sono uno sciocco.
— Magari, magari pure ti stimo bravo
Che sentirà da me una bella strigliata. –