Differenze tra le versioni di "Colonizzare la noosfera/La cultura hacker come economia del dono"

m
Bot: creazione area dati
(Correzione pagina via bot)
m (Bot: creazione area dati)
{{QualitàConteggio pagine|avz=100%|data=20[[Speciale:Statistiche]]}}<!-- luglioArea 2008|argdati: non modificare da qui: --><onlyinclude><div style=Open"display:none"><section Source}}{{IncludiIntestazione|begin="sottotitolo="/>La cultura hacker come economia del dono|prec=../Locke<section e la proprietà terriera |succend=.."sottotitolo"/La gioia dell'hacking}}>
<section begin="prec"/>../Locke e la proprietà terriera<section end="prec"/>
<section begin="succ"/>../La gioia dell'hacking<section end="succ"/>
<section begin="nome template"/>IncludiIntestazione<section end="nome template"/>
<section begin="data"/>20 luglio 2008<section end="data"/>
<section begin="avz"/>100%<section end="avz"/>
<section begin="arg"/>Open Source<section end="arg"/>
</div></onlyinclude><!-- a qui -->{{Qualità|avz=100%|data=20 luglio 2008|arg=Open Source}}{{IncludiIntestazione|sottotitolo=La cultura hacker come economia del dono|prec=../Locke e la proprietà terriera |succ=../La gioia dell'hacking}}
 
 
 
Quel che tutto ciò dimostra, nel caso non fosse ancora chiaro, è che esiste più di una maniera di far funzionare la cultura del dono. La storia e i valori perseguiti sono elementi importanti. Altrove [HH] ho già riassunto la storia della cultura hacker; le modalità seguite per dar forma alle attuali usanze non sono affatto misteriose. Gli hacker hanno definito la propria cultura tramite una serie di scelte possibili sulla forma che la competizione interna andrà prendendo. All’analisi di tale forma è dedicato il prosieguo di questo saggio.
 
 
{{Conteggio pagine|[[Speciale:Statistiche]]}}
345 235

contributi