Differenze tra le versioni di "Rime (Stampa)/Rime varie/CCLXXVIII"

Correzione pagina via bot
m (Conversione intestazione / correzione capitolo by Alebot)
(Correzione pagina via bot)
{{Qualità|avz=75%|data=22 settembre 2009|arg=Poesie}}{{IncludiIntestazione|sottotitolo=[[Rime (Stampa)/Rime varie|Rime varie]]<br/><br/>CCLXXVIII|prec=../CCLXXVII|succ=../CCLXXIX}}
 
{{capitolo
|CapitoloPrecedente=CCLXXVII
|NomePaginaCapitoloPrecedente=../CCLXXVII
|CapitoloSuccessivo=CCLXXIX
|NomePaginaCapitoloSuccessivo=../CCLXXIX
}}
<poem>
Ninfe, che d'Adriad’Adria i più riposti guadi
sacre abitate, e tu, dea degli Amori,
che da quest'acquequest’acque prima uscisti fuori,
care sì che 'l’l tuo Cipro men t'aggradit’aggradi,
a'a’ modi adorni a meraviglia e radi,
a la maggior beltà ch'oggich’oggi s'onoris’onori,
al soggetto più degno di scrittori,
pur che sia stil ch'ach’a sì gran segno vadi,
a la Barozza, a cui nulla è seconda,
dei più ricchi tesor, che 'l’l mar vostro aggia,
ornate il crin e l'aureal’aurea treccia bionda.
E lungo questa erbosa e chiara spiaggia
canti l'unal’una di voi, l'altral’altra risponda,
la vostra donna bella, onesta e saggia.
</poem>
{{capitolo
|CapitoloPrecedente=CCLXXVII
|NomePaginaCapitoloPrecedente=../CCLXXVII
|CapitoloSuccessivo=CCLXXIX
|NomePaginaCapitoloSuccessivo=../CCLXXIX
}}
362 077

contributi