Differenze tra le versioni di "Pagina:Della geografia di Strabone libri XVII volume 1.djvu/83"

  Cosa significano le icone?  Cosa significano le icone?
-
Pagine SAL 25%
+
Pagine SAL 75%
Corpo della pagina (da includere):Corpo della pagina (da includere):
Riga 1: Riga 1:
bone annovera Diodoro di Sardi, (''l. {{Sc|ii}}'', 128), il quale scrisse libri
+
{{Pt|bone|Strabone}} annovera Diodoro di Sardi, (''l. {{Sc|ii}}'', 128), il quale scrisse libri d’istorie, versi ed altre composizioni tutte spiranti l'antico sapore. (M.)
d’istorie, versi ed altre composizioni tutte spiranti l'antico sapore.
 
(M.)
 
   
  +
(48) ''Geogr. l. {{Sc|xiv}}, p.'' 670. Senarco, a detta dello stesso Strabone (''l. {{Sc|xiv}}, p.'' 670), fu di Seleucia, e filosofo peripatetico di gran stima, e non istette molto tempo a casa, ma dimorò in Alessandria, in Atene, e finalmente in Roma, avendosi eletto la vita di maestro di scuola. Quivi, godendosi l’amicizia prima d’Ario e poscia d’Augusto, perseverò fino alla vecchiezza in grande riputazione. Strabone ne udí le lezioni, ma non dice dove. (M.)
(48) ''Geogr. l. {{Sc|xiv}}, p.'' 670. Senarco, a detta dello stesso Strabone
 
(''l. {{Sc|xiv}}, p.'' 670), fu di Seleucia, e filosofo peripatetico
 
di gran stima, e non istette molto tempo a casa, ma dimorò in
 
Alessandria, in Atene, e finalmente in Roma, avendosi eletto la
 
vita di maestro di scuola. Quivi, godendosi l’amicizia prima d’Ario
 
e poscia d’Augusto, perseverò fino alla vecchiezza in grande riputazione.
 
Strabone ne udí le lezioni, ma non dice dove. (M.)
 
   
 
(49) ''Geogr. l. {{Sc|xvi}}, p.'' 757.
 
(49) ''Geogr. l. {{Sc|xvi}}, p.'' 757.
   
(50) Fu lo Xilaudro che stimò peripatetico Strabone, ed il
+
(50) Fu lo Xilaudro che stimò peripatetico Strabone, ed il Vossio lo redarguisce. Egli anzi condanna Posidonio perchè molto indaga le cause ed aristotelizza, da che si guardano i nostri, cioè gli stoici, per essere occulte le cause ('' l. {{Sc|ii}}, p.'' 104) (M.)
Vossio lo redarguisce. Egli anzi condanna Posidonio perchè molto
 
indaga le cause ed aristotelizza, da che si guardano i nostri,
 
cioè gli stoici, per essere occulte le cause ('' l. {{Sc|ii}}, p.'' 104) (M.)
 
   
(5 1) De Divinai. I. 1, c. 8, e l. Il, c. 21.
+
(51) ''De Divinat. l. {{Sc|i}}, c.'' 8, ''e l. {{Sc|ii}}, c.'' 21.
   
 
(52) ''Delle opin. dei filos. l. {{Sc|xiv}}'' c. {{Sc|i}}.
 
(52) ''Delle opin. dei filos. l. {{Sc|xiv}}'' c. {{Sc|i}}.
   
(53) Libr. {{Sc|vi}}, sez. 54, i 43, 148, i 49» — Boeto è citato anche
+
(53) Libr. {{Sc|vi}}, sez. 54, i 43, 148, i 49» — Boeto è citato anche da Gemino come autore d’un’esposizione in quattro libri dei fenomeni d’Arato (Elem. Astr. c. i 4). Strabone studiò con lui l’aristotelica filosofia, ma non gli fu discepolo siccome sciá ve il Malte-Brun. (M.)
da Gemino come autore d’un’esposizione in quattro libri
 
dei fenomeni d’Arato (Elem. Astr. c. i 4). Strabone studiò con
 
lui l’aristotelica filosofia, ma non gli fu discepolo siccome sciá ve
 
il Malte-Brun. (M.)
 
   
  +
(54) Nel convito, o i Lapiti. - Seguace della setta stoica si mostra anche Strabone quando scrive (''l. {{Sc|iv}},'' § 185) che fra le cose umane e della natura, molte se nc trovano, le quali per avventura dir si potrebbe che meglio sarebbero latte a questo o a quel modo, ma bisogna riportarsi alla Provvidenza ed al Fato che governano il mondo. (M.)
(54) Nel convito, o i Lapiti. - Seguace della setta stoica si
 
mostra anche Strabone quando scrive (''l. {{Sc|iv}},'' § 185) che fra le
 
cose umane e della natura, molte se nc trovano, le quali per avventura
 
dir si potrebbe che meglio sarebbero latte a questo o a
 
quel modo, ma bisogna riportarsi alla Provvidenza ed al Fato
 
che governano il mondo. (M.)
 
   
(55) ''Geogr. l. {{Sc|xiv}}, p.'' 674; x ni, p. 779.
+
(55) ''Geogr. l. {{Sc|xiv}}, p.'' 674; {{Sc|xvii}}, p. 779.
   
(56) ''Geogr. l. {{Sc|i}}, p.'' 41; xnt, p. 784.
+
(56) ''Geogr. l. {{Sc|i}}, p.'' 41; {{Sc|xvii}}, p. 784.
   
 
(57) ''Geogr. l. {{Sc|i}}, p.'' 15.
 
(57) ''Geogr. l. {{Sc|i}}, p.'' 15.
Riga 43: Riga 23:
 
(58) Diog. Laen. I. ni, sez. «19 - 123 .
 
(58) Diog. Laen. I. ni, sez. «19 - 123 .
   
 
(59)
(59) <poem>Se tutto fará ben solo il sapiente,
+
<poem>Se tutto fará ben solo il sapiente,
 
Condirá con prudenza anco la lente.</poem>
 
Condirá con prudenza anco la lente.</poem>
   
Ateneo, Dipn. l. {{Sc|iv}}, p. 158 .
+
''Ateneo, Dipn. l. {{Sc|iv}}, p.'' 158.
7 077

contributi