Differenze tra le versioni di "Pagina:Dübner - Grammatica elementare e pratica della lingua greca, Firenze, Paggi, 1857.djvu/26"

rilettura ulteriore
(rilettura ulteriore)
 
Corpo della pagina (da includere):Corpo della pagina (da includere):
Riga 1: Riga 1:
   
Tutte le volte che una consonante è seguita da una vocale, si connette con quella vocale, e fa parte della medesima sillaba: avzixo; (vento) si legge a-ne-mos, e non an-ém os nè an-émos. Questa regola, comune a tutte le lingue, è estesa dai Greci a tutte le consonanti doppie od anche triple che posso.no pronunziarsi insieme. Noi diciamo braccio, ''bl''asone, in''cl''ito, postico, mnemonico, ''scr''iba, splendere, e questi sono esempi di consonanti doppie e triple, che si fanno intendere con una sola emissione di voce; ma ci sarebbero impossibili a pronunziare ''rga'', ''lme'', ''mfa'', ''nta'': e perciò così in greco come in italiano noi pronunziamo or-gano, lim-fatica, an-tagonista. Tutte le consonanti adunque, che sono di tal natura da potersi pronunziare insieme, si riuniscono per riattaccarsi alla vocale che segue: a7rrtÀoc (senza penne) si divide a-nrtÀoc e non 57t-tiXo;; ày/ccóc (splendido) à-’/Aaó;; a,fo%pós (turpe). xi~vxpós; «tOaóc, (bravo) così di tutte le altre parole ad eccezione di quelle composte: p. es. irpo&’jàéù) (advoco) composto di xpo; (ad) e /.a/fw (voco): si divide 7r/5o;-x«ÀÉw e non n-po-o-xaXéw.(a)
+
Tutte le volte che una consonante è seguita da una vocale, si connette con quella vocale, e fa parte della medesima sillaba: avzixo; (vento) si legge a-ne-mos, e non an-ém os nè an-émos. Questa regola, comune a tutte le lingue, è estesa dai Greci a tutte le consonanti doppie od anche triple che posso.no pronunziarsi insieme. Noi diciamo braccio, ''bl''asone, in''cl''ito, postico, mnemonico, ''scr''iba, splendere, e questi sono esempi di consonanti doppie e triple, che si fanno intendere con una sola emissione di voce; ma ci sarebbero impossibili a pronunziare ''rga'', ''lme'', ''mfa'', ''nta'': e perciò così in greco come in italiano noi pronunziamo or-gano, lim-fatica, an-tagonista. Tutte le consonanti adunque, che sono di tal natura da potersi pronunziare insieme, si riuniscono per riattaccarsi alla vocale che segue: a7rrtÀoc (senza penne) si divide a-nrtÀoc e non 57t-tiXo;; ày/ccóc (splendido) à-’/Aaó;; a,fo%pós (turpe). xi~vxpós; «tOaóc, (bravo) così di tutte le altre parole ad eccezione di quelle composte: p. es. irpo&’jàéù) (advoco) composto di xpo; (ad) e /.a/fw (voco): si divide 7r/5o;-x«ÀÉw e non n-po-o-xaXéw.(a)
   
 
Aggiungiamo(quello che già sarà apparso dall’esempio s-30>ó;), che l’organo greco sa riunire, pronunziando, molle consonanti, che il nostro organo è costretto a separare.
 
Aggiungiamo(quello che già sarà apparso dall’esempio s-30>ó;), che l’organo greco sa riunire, pronunziando, molle consonanti, che il nostro organo è costretto a separare.
   
{{Ct|§7.}}
+
{{Ct|§10.}}
   
 
PUNTUAZIONE.
 
PUNTUAZIONE.
   
Il punto e la virgola hanno in greco il medesimo uso che in italiano. In vece dei due punti (:) e del nostro ''punto e virgola'' (;) i greci non usano che un solo segno (• ) il punto in alto, fatpoz* Il nostro punto e virgola serve appo loro all’interrogazione:
+
Il punto e la virgola hanno in greco il medesimo uso che in italiano. In vece dei due punti (:) e del nostro ''punto e virgola'' (;) i greci non usano che un solo segno (• ) il punto in alto, fatpoz* Il nostro ''punto e virgola'' serve appo loro all’interrogazione: d-Mvti;-, intendi?
  +
d-Mvti;-, intendi?
 
(a) Nello serìvere le parole composte noi useremo la; finale
+
(a) Nello scrivere le parole composte noi useremo la; finale in mezzo alle parole anziché la? iniziale, seguendo V esempio di
in mezzo alle parole anziché la? iniziale, seguendo V esempio di
 
 
Wott e di Thiersch adottato pure da L. Burnoof. — (Il ''Tradutt.'')
 
Wott e di Thiersch adottato pure da L. Burnoof. — (Il ''Tradutt.'')
Digitized by Google
 
Piè di pagina (non incluso)Piè di pagina (non incluso)
Riga 1: Riga 1:
[[Categoria:Pagine con testo greco]]
 
3 178

contributi