Differenze tra le versioni di "Rime (Guittone d'Arezzo)/O tu, giustizia, d'onestà sprendore"

m
Alex_brollo: split
m (Alex_brollo: match)
m (Alex_brollo: split)
</div></onlyinclude><!-- a qui -->{{Qualità|avz=75%|data=13 settembre 2008|arg=poesie}}{{IncludiIntestazione|sottotitolo=O tu, giustizia, d'onestà sprendore|prec=../D'animo tu bona vertù, fortezza|succ=../Carissimi, piò fiate e or appare}}
 
==[[Pagina:Guittone d'Arezzo – Rime, 1940 – BEIC 1851078.djvu/250]]==
{{Ct|f=100%|v=1|t=2|L=0px|198}}
{{Ct|f=90%|v=1|L=0px|lh=1.2|La giustizia.}}
 
<pages index==[[Pagina:"Guittone d'Arezzo – Rime, 1940 – BEIC 1851078.djvu/" from=250]]= to=250 />
 
<poem>
O tu, giustizia, d’onestà sprendore,
non parte de vertù, ma vertù tutta,
in te vertù e bon tutto tuttore,
{{R|4}}nel tuo contraro onni malizia addutta.
Non bon ne’ rei for te viver po fiore:
poder, corp’e spirito in tuo ben frutta;
raina de vertù tu, non timore
{{R|8}}di cos’hai, né de Dio, bene condutta;
ch’a Dio, ad omo e a catuna cosa
rendi che dei in tempo e in ragione,
{{R|11}}ché dirittura ètte sol amorosa.
De’ debili tu retta e tu campione,
in cui fortezza onni lor pace posa,
{{R|14}}tu freno a forti e tu sor lor bastone.
</poem>
146 737

contributi