Differenze tra le versioni di "Rime (Guittone d'Arezzo)/Solament'è vertù che debitore"

m
Alex_brollo: split
m (Alex_brollo: match)
m (Alex_brollo: split)
 
</div></onlyinclude><!-- a qui -->{{Qualità|avz=75%|data=13 settembre 2008|arg=poesie}}{{IncludiIntestazione|sottotitolo=Solament'è vertù che debitore|prec=../O Sommo bono e de bon solo autore|succ=../O benigna, o dolce, o preziosa}}
 
==[[Pagina:Guittone d'Arezzo – Rime, 1940 – BEIC 1851078.djvu/216]]==
{{Ct|f=100%|v=1|t=2|L=0px|140}}
{{Ct|f=90%|v=1|L=0px|lh=1.2|Non può dirsi valente chi non ama Dio, né sapiente chi non LO CONOSCE.}}
 
<pages index==[[Pagina:"Guittone d'Arezzo – Rime, 1940 – BEIC 1851078.djvu/" from=216]]= to=216 />
 
<poem>
Solament’è vertù che debitore
fusse ciascun d’amore,
e solo vizio a cui odio pertene;
vertù dea nel nemico amar bon core
{{R|5}}e portar desamore
a se medesmo, quant’e’ ’l vizio tene.
Come dunque si fa conoscidore
o dice aver valore
chi vertù fugge e vizio ’n sé mantene;
{{R|10}}e Dio, in cui tutta vertù tuttore
e sol d’essa datore,
non desia, né fior con lui convene?
Chi non sa Dio, chi dir po sapiente,
o tener per valente
{{R|15}}chi fugge quel, per cui sol po valere?
O ricco è da tenere
om, che del tutto bon no ha neiente?
Grande come, cui ha vizio ’n podere,
o gentil po savere,
{{R|20}}figlio stando de l’enfernal serpente?
E che manca, che? Nente
a chi figlio ed erede ed è messere.
</poem>
146 747

contributi