Differenze tra le versioni di "Rime (Guittone d'Arezzo)/Ahi Deo, chi vidde mai tal malatia"

m
Alex_brollo: split
m (Alex_brollo: match)
m (Alex_brollo: split)
</div></onlyinclude><!-- a qui -->{{Qualità|avz=75%|data=13 settembre 2008|arg=poesie}}{{IncludiIntestazione|sottotitolo=Ahi Deo, chi vidde mai tal malatia|prec=../Eo non son quel che chera esser amato|succ=../Ben saccio de vertà che 'l meo trovare}}
 
==[[Pagina:Guittone d'Arezzo – Rime, 1940 – BEIC 1851078.djvu/155]]==
{{Ct|f=100%|v=1|t=2|L=0px|24}}
{{Ct|f=90%|v=1|L=0px|lh=1.2|Ciò che nuoce agli altri lo guarirebbe.}}
 
<pages index==[[Pagina:"Guittone d'Arezzo – Rime, 1940 – BEIC 1851078.djvu/" from=155]]= to=155 />
 
<poem>
Ahi Deo, chi vidde mai tal malatia
di quella che sorpreso hame lo core?
ché la cosa ch’altrui par venen sia
{{R|4}}è sola medicina al meo dolore,
cioè l’amor, ch’ogni om ch’el signoria
guaimenta e dice che per lui si more,
e pur se pena di trovare via
{{R|8}}como de sé islocar possa lo core.
Ed eo pur peno di condurlo a mene
e di venir de sua corte servente
{{R|11}}perché disio ciò più ch’altro bene.
Ma pur languisco, lasso, e mor’ sovente,
dapoi ch’ello di me cura non tene:
{{R|14}}adonque guarrea me l’altrui nocente.
</poem>
144 885

contributi