Differenze tra le versioni di "Rime (Guittone d'Arezzo)/Deo, che non posso or disamar sì forte"

m
Alex_brollo: split
m (Alex_brollo: match)
m (Alex_brollo: split)
</div></onlyinclude><!-- a qui -->{{Qualità|avz=75%|data=13 settembre 2008|arg=poesie}}{{IncludiIntestazione|sottotitolo=Deo, che non posso or disamar sì forte|prec=../Spietata donna e fera, ora te prenda|succ=../Ahi! con mi dol vedere omo valente}}
 
==[[Pagina:Guittone d'Arezzo – Rime, 1940 – BEIC 1851078.djvu/145]]==
{{Ct|f=100%|v=1|t=2|L=0px|4}}
{{Ct|f=90%|v=1|L=0px|lh=1.2|Potesse disamare! Forse cosí indurrebbe la donna all’amore. Ma non può e pur spera di vincere.}}
 
<pages index==[[Pagina:"Guittone d'Arezzo – Rime, 1940 – BEIC 1851078.djvu/" from=145]]= to=145 />
 
<poem>
Deo, che non posso or disamar sì forte,
como fort’amo voi, donna orgogliosa!
Ca, poi che per amar m’odiate a morte,
{{R|4}}per disamar mi sareste amorosa;
ch’altresì, com’è bon diritto, sorte
che l’uno como l’altro essere osa,
poi di gran torto, ch’ème ’n vostra corte
{{R|8}}fatto, me vengerea d’alcuna cosa.
Torto è tale, no lo vidi anco pare:
non osarme piacer ciò ch’è piacente,
{{R|11}}ed essere odiato per amare,
Malgrado vostro e mio son benvogliente,
e serò, ché non posso unque altro fare,
{{R|14}}e fa mister che pur vegna vincente.
</poem>
147 124

contributi