Pagina:Delle biblioteche circolanti nei comuni rurali per Vincenzo Garelli.djvu/13: differenze tra le versioni

nessun oggetto della modifica
(Ajax eis edit)
 
Nessun oggetto della modifica
Corpo della pagina (da includere):Corpo della pagina (da includere):
Riga 1: Riga 1:
{{ct|t=4|v=2|f=120%|DELLE BIBLIOTECHE POPOLARI}}
<section begin="1" />{{ct|t=4|v=2|f=120%|DELLE BIBLIOTECHE POPOLARI}}
{{Rule|6em}}
{{Rule|6em}}<section end="1" />
{{ct|t=2|v=2|f=120%|I.}}
<section begin="2" />{{ct|t=2|v=2|f=120%|I.}}
''(Fra i temi che si avevano a discutere davanti il Congresso Pedagogico raccolto in Torino, si aveva il seguente:'' {{Sc|Delle Biblioteche popolasi, del modo di promuoverle ed adattarle ai bisogni locali e dei loro regolamenti.}}
''(Fra i temi che si avevano a discutere davanti il Congresso Pedagogico raccolto in Torino, si aveva il seguente:'' {{Sc|Delle Biblioteche popolasi, del modo di promuoverle ed adattarle ai bisogni locali e dei loro regolamenti.}}


Riga 13: Riga 13:


La istituzione delle Biblioteche circolanti è una determinazione d’un’idea vaga, od il corollario d’un principio che non può essere revocato in dubbio, cioè quello della • necessità dell’educazione popolare. Eccone infatti evidentissima la sua genealogia logica, la quale consiste nella serie ordinata de’ mezzi che mirano al fine di procacciare
La istituzione delle Biblioteche circolanti è una determinazione d’un’idea vaga, od il corollario d’un principio che non può essere revocato in dubbio, cioè quello della • necessità dell’educazione popolare. Eccone infatti evidentissima la sua genealogia logica, la quale consiste nella serie ordinata de’ mezzi che mirano al fine di procacciare
<section end="2" />
36 384

contributi