Differenze tra le versioni di "Le rime della Selva/Parte seconda/Lagrime"

nessun oggetto della modifica
m (Bot: aggiustamento parametri)
</div></onlyinclude><!-- a qui -->{{Qualità|avz=75%|data=19 giugno 2009|arg=raccolte di poesie}}
{{Conteggio pagine|[[Speciale:Statistiche]]}}<!-- Area dati: non modificare da qui: --><onlyinclude><div style="display:none"><section begin="sottotitolo"/>[[Le rime della Selva/Parte seconda|Parte seconda]] - Lagrime<section end="sottotitolo"/>
<section begin="prec"/>../Canone d'arte<section end="prec"/>
<section begin="succ"/>../L'oriuolo a cuculo<section end="succ"/>
<section begin="nome template"/>IncludiIntestazione<section end="nome template"/>
<section begin="data"/>19 giugno 2009<section end="data"/>
<section begin="avz"/>75%<section end="avz"/>
<section begin="arg"/>raccolte di poesie<section end="arg"/>
</div></onlyinclude><!-- a qui -->{{Qualità|avz=75%|data=19 giugno 2009|arg=raccolte di poesie}}
{{IncludiIntestazione|sottotitolo=[[Le rime della Selva/Parte seconda|Parte seconda]] - Lagrime|prec=../Canone d'arte|succ=../L'oriuolo a cuculo}}
 
 
<pages index="Graf - Le Rime dalla Selva, 1906.djvu" from=155 to=158 fromsection="" tosection="" />
<poem>
Sì, veramente, dansi
Di strani casi al mondo:
Questa mattina in fondo
A un valloncello io piansi.
 
Ah, fu proprio uno schianto!
Piansi come un bambino!
Eran degli anni, opino,
Che non avevo pianto.
 
Piansi. Perchè? Davvero
Nol saprei dir. Qualcosa
M’affogava. Che cosa?
Nel saprei dir: mistero!
 
Piansi proprio con gusto,
E senz’essere alticcio.
Credete per capriccio?
Io per capriccio? Giusto!
 
Piansi naturalmente,
Guardando il bosco e il monte;
Piansi, come una fonte
Versa l’acqua lucente.
 
Non era doglia acerba;
Non cruccio alfin disciolto:
Piovevan dal mio volto
Le lagrime sull’erba.
 
Sull’erba molle e rada,
Che tremava alla brezza;
Sull’erba non avvezza
A sì fatta rugiada.
 
Piansi forse due ore,
In silenzio, soletto:
Dolcemente nel petto
Mi si struggeva il core.
 
E dal cor che per vana
Speme s’accese e amò,
Fiorivami non so
Che musica lontana;
 
Come un puro e solenne
Canto d’angioli santi
Che per cieli raggianti
Battessero le penne.
 
Lagrime senza inganno,
Lagrime oneste e care,
Son molti che le rare
Vostre virtù non sanno.
 
Voi, mentre discendete
Silenzïose e lente,
Ogni cruccio rodente
Dall’anima stergete,
 
Ed ogni voglia impura,
Ed ogni reo pensiero,
Onde s’offusca il vero
E il cor si disnatura.
 
Lagrime dolci e schiette,
Che dall’imo sgorgate,
Lagrime consolate,
Lagrime benedette;
 
Come per mite piova
L’illanguidita pianta,
Così per voi l’affranta
Anima si rinnova.
</poem>
95 956

contributi