Pagina:Catullo e Lesbia.djvu/271: differenze tra le versioni

section e ancore
mNessun oggetto della modifica
(section e ancore)
Corpo della pagina (da includere):Corpo della pagina (da includere):
Riga 1: Riga 1:
{{Centrato|II.}}
<section begin="an1" />{{Centrato|II.}}
{{Centrato|{{Sc|Al Passere.}}}}
{{Centrato|{{Sc|[[Catullo e Lesbia/Traduzione/Parte prima. Amore ed illusione/1. Al passere di Lesbia - II Ad passerem Lesbiae|Al Passere.]]}}}}


{{smaller|{{§|passer|[[Catullo e Lesbia/Traduzione/Parte prima. Amore ed illusione/1. Al passere di Lesbia - II Ad passerem Lesbiae|Pag. 156.]]}}}}
{{smaller|Pag. 156.}}


Con buona pace del {{AutoreCitato|Poliziano}} e del {{AutoreCitato|Gerardo Giovanni Vossio|Vossio}}, io credo col {{AutoreCitato|Sannazzaro}}, col {{AutoreCitato|Marc-Antoine Muret|Mureto}} e con altri buoni, che in questo carme non ci sia nè allusioni, nè doppii sensi.
Con buona pace del {{AutoreCitato|Poliziano}} e del {{AutoreCitato|Gerardo Giovanni Vossio|Vossio}}, io credo col {{AutoreCitato|Sannazzaro}}, col {{AutoreCitato|Marc-Antoine Muret|Mureto}} e con altri buoni, che in questo carme non ci sia nè allusioni, nè doppii sensi.


Prima di tutto, la parola ''passer'' usarono i Latini non solo per indicare una cosa turpe e quella medesima che nascondevano i Greci con le voci ''κελιδόν'', ''κορωνε'' ed altri nomi d’uccelli, ma per dare anche una tenera denominazione all’oggetto amato. ''Baciballum, oculissimus, amoenitas, passer, columba'', erano i dolci nomi che si davano vezzeggiando gl’innamorati. ''Meus pullus passer, mea columba, mi lepus'': {{AutoreCitato|Plauto}}, ''Cas.'' I, v. 50. ''Noveratis Mellissam Tarentinam pulcherrimum baciballum'': {{Ac|Petronio Arbitro|Petron.}}, ''fragm. Burmann.'' ''Quid autem passeruculum nostram Gratiam minusculam existimas modo facere?'' {{Ac|Marco Aurelio|M. Aurel.}}, ''ap. Front.'', 4. ''Dic me tuum passerculum, coturnicem'': Plauto, ''Asin.'', Ili, 3.
Prima di tutto, la parola ''passer'' usarono i Latini non solo per indicare una cosa turpe e quella medesima che nascondevano i Greci con le voci ''κελιδόν'', ''κορωνε'' ed altri nomi d’uccelli, ma per dare anche una tenera denominazione all’oggetto amato. ''Baciballum, oculissimus, amoenitas, passer, columba'', erano i dolci nomi che si davano vezzeggiando gl’innamorati. ''Meus pullus passer, mea columba, mi lepus'': {{AutoreCitato|Plauto}}, ''Cas.'' I, v. 50. ''Noveratis Mellissam Tarentinam pulcherrimum baciballum'': {{Ac|Petronio Arbitro|Petron.}}, ''fragm. Burmann.'' ''Quid autem passeruculum nostram Gratiam minusculam existimas modo facere?'' {{Ac|Marco Aurelio|M. Aurel.}}, ''ap. Front.'', 4. ''Dic me tuum passerculum, coturnicem'': Plauto, ''Asin.'', IlI, 3.<section end="an1" />
7 317

contributi