Differenze tra le versioni di "Pagina:Gli sposi promessi II.djvu/181"

nessun oggetto della modifica
Corpo della pagina (da includere):Corpo della pagina (da includere):
Riga 2: Riga 2:
 
punto della via, per cui la carrozza non era ancora passata, <ref>vide</ref> la vide venire, trascorrere, vide <ref>due bo</ref> una bocca d’arcobugio che usciva dallo sportello, e si ritirò tosto, fingendo di non aver
 
punto della via, per cui la carrozza non era ancora passata, <ref>vide</ref> la vide venire, trascorrere, vide <ref>due bo</ref> una bocca d’arcobugio che usciva dallo sportello, e si ritirò tosto, fingendo di non aver
 
nemmeno badato. Tornati poi a casa, raccontarono quello che avevano veduto; e si sparse la voce che qualche cosa era accaduta. <ref>La fattora del monastero tornata dalla sua faccenda</ref>
 
nemmeno badato. Tornati poi a casa, raccontarono quello che avevano veduto; e si sparse la voce che qualche cosa era accaduta. <ref>La fattora del monastero tornata dalla sua faccenda</ref>
II bravo d’Egidio, quando senti <ref>che tutto era [tranqui] tran</ref> tutto quieto intorno <ref>a se</ref> al suo nascondiglio, ne usci per una parte <ref>opposta</ref> che dava su una via diversa, e con l’aria d’un uomo, che non ha intesa una novità, se ne andò a render conto al padrone dell’esito felice della spedizione. Egidio lo ricompensò <ref>con</ref> di quattrini e di lodi, e lo mandò tosto attorno, <ref>a sparger la voce a (''lacuna'') </ref> per raccontare la
+
II bravo d’Egidio, quando senti <ref>che tutto era [tranqui] tran</ref> tutto quieto intorno <ref>a se</ref> al suo nascondiglio, ne usci per una parte <ref>opposta</ref> che dava su una via diversa, e con l’aria d’un uomo, che non ha intesa una novità, se ne andò a render conto al padrone dell’esito felice della spedizione. Egidio lo ricompensò <ref>con</ref> di quattrini e di lodi, e lo mandò tosto attorno, <ref>a sparger la voce a (''lacuna'') </ref> per raccontare la novella nel modo che ad entrambi e ai loro amici conveniva che fosse creduta, o almeno per <ref>con</ref> confondere il giudizio pubblico <ref>[ed impedire che] e star</ref> e stornarlo dalle congetture, che potevano condurlo alla verità. Il bravo <ref>presa</ref> tolse con sé, senza saperlo, quella dea che ha tanti occhi quante penne, e tante lingue quanti occhi, (e debb’essere una bella dea), e si <ref>mise</ref> avviò. <ref>Il cam</ref> Il campo più opportuno ad un tal uomo e ad un tale ufficio, <ref>era [in] nella</ref> la taverna, era allora <ref>disabitato</ref> deserto a cagione della <ref>fame [seria] cresciuta d</ref> carestia che di giorno in giorno cresceva e si diffondeva in tutte le parti del Milanese: <ref>Nessuno poteva più andare a mangiare e bere per divertimento quando queste opera</ref> mangiare e bere non era più per nessuno un oggetto di divertimento: era divenuto per tutti un bisogno difficile da soddisfare. Andò dunque in su la piazza, luogo sempre
  +
popolato di oziosi, ma più che mai in quell’anno calamitoso, in cui erano forzati all’ozio anche <ref>i [più faccendoni] più volonterosi</ref> i più operosi. Quella piazza di Monza, come tutte le piazze, tutte le vie, tutti i
novella nel modo che ad entrambi e ai loro amici conve¬
 
niva che fosse creduta, o almeno per18 confondere il giudi¬
 
zio pubblico 13 e stornarlo dalle congetture, che potevano con¬
 
durlo alla verità. Il bravo 14 tolse con sé, senza saperlo, quella
 
dea che ha tanti occhi quante penne, e tante lingue quanti
 
occhi, (e debb’essere una bella dea), e si 15 avviò.1" Il campo
 
più opportuno ad un tal uomo e ad un tale ufficio,17 la taverna,
 
era allora 18 deserto a cagione della 19 carestia che di giorno in
 
giorno cresceva e si diffondeva in tutte le parti del Mila¬
 
nese: 20 mangiare e bere non era più per nessuno un oggetto
 
di divertimento: era divenuto per tutti un bisogno difficile
 
da soddisfare. Andò dunque in su la piazza, luogo sempre
 
popolato di oziosi, ma più che mai in quell’anno calamitoso,
 
in cui erano forzati all’ozio anche41 i più operosi. Quella
 
piazza di Monza, come tutte le piazze, tutte le vie, tutti i
 
 
campi della Lombardia presentava il più tristo spettacolo.
 
campi della Lombardia presentava il più tristo spettacolo.
Poveri " di professione, che,-3 dopo d’avere invano domandato
+
Poveri <ref>che dopo</ref> di professione, che, <ref>domandando</ref> dopo d’avere invano domandato un soccorso ad uomini divenuti poveri anch’essi, stavano in fila l’uno appresso dell’altro appoggiati <ref>[al mur] al muro</ref> ad un muro so¬
un soccorso ad uomini divenuti poveri anch’essi, stavano
 
in fila l’uno appresso dell’altro appoggiati54 ad un muro so¬
 
   
 
i [più faccendoni] più volonterosi — -’2 che dopo — 2:1 domandando — 21 [al mur] al muro
— 7 che tutto era [tranqui] tran — s a se — opposta — 10 con — 11 a sparger la voce a (lacuna) — 15 con — 13 |ed impedire che| e star — 11 presa
 
— mise — 10 11 cani — 11 era [in] nella — 18 disabitato — *® fame
 
[seria] cresciuta d — 20 . Nessuho poteva più andare a mangiare e
 
bere per divertimento quando queste opera — 21 i [più faccendoni] più
 
volonterosi — -’2 che dopo — 2:1 domandando — 21 [al mur] al muro
 
8 962

contributi