Differenze tra le versioni di "Pagina:Rivista italiana di numismatica 1892.djvu/81"

  Cosa significano le icone?  Cosa significano le icone?
-
Pagine SAL 25%
+
Pagine SAL 75%
Corpo della pagina (da includere):Corpo della pagina (da includere):
Riga 1: Riga 1:
  +
figlia di Gianvittorio e il giovano Lorenzo<ref>{{Sc|{{AutoreCitato|Pasquale Villari|Villari}}}}, Op. cit., Vol. II, Lib. I. cap. XVI, pag. 242. Firenze. 188l.</ref>; era naturale che, malcontenta del tacito e incerto principato di Firenze, al quale ella avrebbe, secondo alcuni, eccitato e, secondo altri, sconsigliato il figliuolo dal fermarvi speranza alcuna al momento della rinunzia di Giuliano<ref>{{Sc|{{AutoreCitato|Jacopo Nardi|Nardi}}}}, Op. cit. Voi. II, lili. VI, pag.,3S, nota. Kirenzo IS.jS.</ref>, si facesse a promuovere presso il cognato Leone X l’impresa d’Urbino contro Francesco Maria della Rovere<ref>{{Sc|{{AutoreCitato|Pompeo Litta Biumi|Litta}}}}, Op. cit. De Medici e Orsini.</ref>. E in Urbino, succeduto a Giuliano il figlio Lorenzo, non lasciò di spadroneggiare un istante, sola ed unica, quasi, in una corte frequentata da gentiluomini e abbellita spesso dalla presenza dello più amabili donne d’allora, tra le quali la figlia Clarice, la Lucrezia, moglie di Jacopo Salviati, e la Clementina de’ Pazzi, lodata per la sua bellezza ne’ ''Ritratti'' del {{AutoreCitato|Gian Giorgio Trissino|Trissino}}<ref>{{Sc|{{AutoreCitato|Ferrai}}}}, Op. e loc. cit.</ref>.
figlia di Gianvittorio e il giovano Lorenzo<sup>nota</sup>; era
 
naturale che, malcontenta del tacito e incerto prin-
 
cipato di Firenze , al quale ella avrebbe , secondo
 
alcuni, eccitato e, secondo altri, sconsigliato il figliuolo
 
dal fermarvi speranza alcuna al momento della ri-
 
nunzia di Giuliano<sup>nota</sup>, si facesse a promuovere presso
 
il cognato Leone X l'impresa d'Urbino contro Fran-
 
cesco Maria della Rovere<sup>nota</sup>. E in Urbino, succeduto a Giuliano il figlio Lorenzo, non lasciò di spa-
 
droneggiare un istante, sola ed unica, quasi, in una
 
corte frequentata da gentiluomini e abbellita spesso
 
dalla presenza dello più amabili donne d'allora, tra
 
le quali la figlia Clarice , la Lucrezia , moglie di
 
Jacopo Salviati, e la Clementina de' Pazzi, lodata per
 
la sua bellezza ne' ''Ritratti'' del {{AutoreCitato|Gian Giorgio Trissino|Trissino}}<sup>nota</sup>.
 
   
   
Riga 18: Riga 5:
   
   
  +
Alfonsina moriva in Roma, di flusso di sangue, il 7 febbraio del 1520, diciassette anni dopo il marito, nato il 1471. Ignorasi quale fosso allora l’età sua. A chi consideri però che Lorenzo, nato nel 1492, era stato preceduto da Clarice, non parrà certo inverosimile il pensare che la nascita di lei si scostasse di poco dalla nascita di Pietro. Sicché, se alla morte del marito non toccava la cinquantina, è a credere vi si avvicinasse, per lo meno, d’assai. E le sombianze, quali si danno a divedere nella medaglia, di cui si parla, non son certo di donna che non abbia varcato la quarantina. Ond’è a credere, mi pare, che non darebbe in fallo chi pensasse che la medaglia fosso coniata in
Alfonsina moriva in Roma, di flusso di sangue, il
 
7 febbraio del 1520, diciassette anni dopo il marito,
 
nato il 1471. Ignorasi quale fosso allora l'età sua. A chi
 
consideri però che Lorenzo, nato nel 1492, era stato
 
preceduto da Clarice, non parrà certo inverosimile il
 
pensare che la nascita di lei si scostasse di poco dalla
 
nascita di Pietro. Sicché, se alla morte del marito non
 
toccava la cinquantina, è a credere vi si avvicinasse,
 
per lo meno, d'assai. E le sombianze, quali si danno
 
a divedere nella medaglia, di cui si parla, non son
 
certo di donna che non abbia varcato la quarantina.
 
Ond' è a credere , mi pare , che non darebbe in
 
fallo chi pensasse che la medaglia fosso coniata in
 
 
<ref>{{Sc|{{AutoreCitato|Villari}}}}, Op. cit., Vol. II, Lib. I. cap. XVI, pag. 242. Firenze. 188l.</ref>
 
<ref>{{Sc|{{AutoreCitato|Jacopo Nardi|Nardi}}}}, Op. cit. Voi. II, lili. VI, pag. ,3S, nota. Kirenzo IS.jS.</ref>
 
<ref>{{Sc|{{AutoreCitato|Pompeo Litta Biumi|Litta}}}}, Op. cit. De Medici e Orsini.</ref>
 
<ref>{{Sc|{{AutoreCitato|Ferrai}}}}, Op. e loc. cit.</ref>