Differenze tra le versioni di "Pagina:Le confessioni di un ottuagenario II.djvu/194"

m
Bot: template SAL
(Correzione pagina via bot (from toolserver))
m (Bot: template SAL)
Corpo della pagina (da includere):Corpo della pagina (da includere):
Riga 4: Riga 4:
 
 
 
Confesso che allora anch’io partecipai generosamente
 
Confesso che allora anch’io partecipai generosamente
alle illusioni comuni, né per altro le chiamo illusioni se non pel tracollo che diedero poi. Del resto s’avevano grandissimi ed ottimi argomenti di sperare. Quel giorno infatti fu un gran giorno, e degno di essere onorato dai posteri italiani. Segnò il primo risorgimento della vita e del pensiero nazionale: e Napoleone, in cui speravo allora e del quale mi sfidai poscia, avrà pur sempre qualche parte della mia gratitudine per averlo esso affrettato nei nostri Annali. Venezia doveva cadere; egli ne accelerò e ne disonorò la caduta. Vergogna! — Il gran sogno di Macchiavello dovea staccarsi quandochessia dal mondo dei fantasmi, per incombere attivamente sui fatti. Egli ne operò la metamorfosi. Fu vero merito, vera gloria. E se il caso gliela donò, s’egli cercolla allora per mira futura d’ambizione, non resta men vero che il favore del caso e l’interesse della sua ambizione cospirarono un istante per la salute della nazione {{Pt|ita-|italiana}}<span class="SAL">194,3,Aleph0</span>
+
alle illusioni comuni, né per altro le chiamo illusioni se non pel tracollo che diedero poi. Del resto s’avevano grandissimi ed ottimi argomenti di sperare. Quel giorno infatti fu un gran giorno, e degno di essere onorato dai posteri italiani. Segnò il primo risorgimento della vita e del pensiero nazionale: e Napoleone, in cui speravo allora e del quale mi sfidai poscia, avrà pur sempre qualche parte della mia gratitudine per averlo esso affrettato nei nostri Annali. Venezia doveva cadere; egli ne accelerò e ne disonorò la caduta. Vergogna! — Il gran sogno di Macchiavello dovea staccarsi quandochessia dal mondo dei fantasmi, per incombere attivamente sui fatti. Egli ne operò la metamorfosi. Fu vero merito, vera gloria. E se il caso gliela donò, s’egli cercolla allora per mira futura d’ambizione, non resta men vero che il favore del caso e l’interesse della sua ambizione cospirarono un istante per la salute della nazione {{Pt|ita-|italiana}}{{SAL|194|3|Aleph0}}
345 235

contributi