Apri il menu principale
XVI

../XV ../XVII IncludiIntestazione 11 marzo 2018 75% Da definire

Parte terza - XV Parte terza - XVII
[p. 75 modifica]

XVI.

E la promessa fu mantenuta.

Rivedendo Raimonda quella sera stessa, Alberto le narrò la visita ricevuta, e soggiunse:

— Egli ti prega di andare a trovarlo a Muralto. Te ne supplica. Io ho promesso per te, che ci andrai.

— Tu!... hai promesso per me? — Ella lo fissò con uno sguardo strano.

— Sì, ho promesso, — fece Alberto con l’espressione testarda di un fanciullo ostinato. — Mi ha detto che non lo ricevi quando viene a cercarti, che non rispondi quando ti scrive... Era molto infelice.

Raimonda lo fissava collo sguardo gelido e il sorriso cattivo.

— Sta bene. Poichè sei tu, proprio tu, che me lo chiedi, andrò.

E stringendo le labbra in una linea dura, mise fine alla conversazione prendendo un libro dalla tavola. [p. 76 modifica]

— È uno sventurato, — continuò Alberto dopo un silenzio. E per debito di coscienza insistette: — Andrai domani?

— Sì, sì; andrò domani. All’alba, — fece lei, ironica.

— No. Perchè all’alba? Va nel pomeriggio, — disse Alberto. — Ed io, verso sera, verrò a prenderti.

Stese la mano ad accarezzare le dita di Raimonda, strette come una piovra bianca intorno alla copertina del libro. — Farai una buona azione, — soggiunse un po’ commosso.

— Sì, sì, sì — disse lei, — e si alzò. Gli battè leggermente la mano sulla spalla in quel gesto di indulgente superiorità che al giovane spiaceva assai, e lasciò la stanza.


All’indomani mattina, allorchè Alberto si recò a chiedere nuove di lei, gli dissero che alla prim’ora ella era partita.