Se quei che regna e 'n segnoria empera

Pannuccio dal Bagno Pisano

Guido Zaccagnini/Amos Parducci XIII secolo Indice:Rimatori siculo-toscani del Dugento.djvu Duecento Se quei che regna e ’n segnoria empera Intestazione 16 luglio 2020 25% Da definire

Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta Rimatori siculo-toscani del Dugento
[p. 174 modifica]

XIV

Instabilità della fortuna.

Se quei che regna e ’n segnoria empera,
avesse vera — ’n suo stato fermezza,
serea già questo, al mio viso, mainerà
d’avere spera — aver non mai altezza
5omo eh ’è basso, ma d’aver misera,
e serea fera — sua vita ’n gravezza;
ma noi veggiam che più grandezz’altèra
conven pur péra — e più affondar s’appressa.
Perché di rota ha ’l mondo simiglianza
10che non posanza — ha mai, ma va volgendo,
saggio, temendo, — vive alto mutanza.
Però chi bass’è, no stia in disperanza,
faccia mostranza, — fortuna salendo,
sé contenendo, — allegro in gran possanza.
15Sed alcun folle se trova ne l’alto,
senza defalto — su cred ’esser fermo,
poi vesi, sper’mo, — far di sotto ’l salto:
chi è ’n grande assalto — non cre’ regni guer’ mo.