Se l'Empio ode per selva in cui s'aggira

Giovanni Battista Cotta

Indice:Zappi, Maratti - Rime I.pdf Sonetti Letteratura Se l'Empio ode per selva in cui s'aggira Intestazione 2 aprile 2022 100% Da definire


Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta Sonetti d'alcuni arcadi più celebri/Gio. Battista Cotta


[p. 130 modifica]

V


Se l’Empio ode per selva in cui s’aggira
     Leon, che l’aria co’ ruggiti assorda,
     Fugge a sinistra, e nel fuggir sel mira
     Incontro aprir l’orrenda gola ingorda.
5Si volge a destra, e vede accesa d’ira
     Orsa feroce ancor di sangue lorda:
     Stende le braccia a un tronco, e le ritira
     Pcr lo timor, ch’angue crudel nol morda:
Gettasi al fin per tenebrosa strada
     10Aspra sassosa dirupata e torta,
     Ond’è che ad ogni passo inciampi e cada:
E, nel girar l’orrida faccia e smorta,
     Si vede a tergo con terribil spada
     Angel, che ’l preme, e al precipizio il porta.