Apri il menu principale

Scioglie Eurilla dal lido. Io corro, e stolto

Carlo Maria Maggi

S Indice:Zappi, Maratti - Rime I.pdf Sonetti Letteratura Scioglie Eurilla dal lido. Io corro, e stolto Intestazione 8 settembre 2019 75% Da definire

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT


Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta Sonetti d'alcuni arcadi più celebri/Carlo Maria Maggi


[p. 250 modifica]

VIII


Scioglie Eurilla dal lido. Io corro, e stolto
     Grido all’onde, che fate? Una risponde:
     Io, che la prima ho il suo bel nume accolto,
     Grata di sì bel don bacio le sponde.
5Dimando all’altra: allor che ’l Pin fu sciolto
     Mostrò le luci al dipartir gioconde?
     E l’altre dice: Anzi serena il volto,
     Fece tacere il vento, e rider l’onde.
Viene un’altra, e mi afferma: or la vid’io
     10Empier di gelosìa le Ninfe algose,

[p. 251 modifica]

     Mentre sul mare i suoi begli occhi aprìo.
Dico a questa: e per me nulla t’impose
     Disse almen la crudel di dirmi Addio?
     Passò l’onda villana, e non rispose.