Saver, che sente un piciolo fantino

Bonagiunta Orbicciani

Guido Zaccagnini/Amos Parducci XIII secolo Indice:Rimatori siculo-toscani del Dugento.djvu Duecento Saver, che sente un piciolo fantino Intestazione 16 luglio 2020 25% Da definire

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta Rimatori siculo-toscani del Dugento
[p. 83 modifica]

IX

Senza sapere, i signori possono perdere la signoria.

Saver, che sente un piciolo fantino,
esser devria in signor, che son seguiti;
schifa lo loco, ov’ello sta al dichino,
e teme i colpi, i quagli ha già sentiti.
Chi si non fa, pò perder so dimino
e li seguaci trovasi periti;
però muti voler chi no l’ha fino
e guardi a’ tempi, che li son transiti.
Ca pentimento non distorna il fatto;
megli’ è volontà stringer che languire:
chi contra face a ciò ch’eo dico, sente.
Lo saggio aprende pur senno dal matto;
om, e’ ha più possa, più de’ ubidire:
catel battuto fa leon temente.