Romanzo sconosciuto

Sergio Corazzini

XX secolo Poesie dialettali Letteratura Romanzo sconosciuto Intestazione 8 luglio 2011 75% Da definire

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT

 
'Na mattina, zi' Rosa, nun vedenno
su' fia Nannarella
a magnà assieme all'antri la pulenta,
prima d'annà ar lavoro, annò corenno
5su la cammera sua,
la cammera più bella
der casale. Trovò chiusa la porta,
e cominciò a chiamà: Nannì, che fai?
Nun t'arzi? Che te senti poco bene?
10Risponne a mamma tua!
Nannì! Nannì! Risponni, e che nun ciai
core, pe' famme patì tante pene?!...
E la povera donna
nun sentenno rumore, co' le mano
15cercava de sfascià la seratura
strillanno: Nanna è morta!
Madonna mia, Madonna!...

Er fijo suo più granne,
piagnenno, oprì la porta, con un sarto
20la madre entrò pe' prima:
Nannerella nun c'era! Solo, in cima
a un cuscino trovarono un bijetto
in do' ce stava scritto: «mamma, io parto
per sempre, forse, perchè tu m'avrai
25già maledetta! Addio... ho amato ed amo
ancora, pazzamente, come mai
credo aver tanto amato i miei fratelli!...
Stanotte t'ho baciata sui capelli
per non svegliarti... e ho pianto...
30Addio, baciami Toto,
Giggetto e mia sorella».
Sotto c'era firmato: «Nannarella».
Zi' Rosa sbottò un pianto
s'arovesciò su quer lettuccio voto
35sangozzanno tra sè: «Nanna diletta
no, nun è vero, nun t'ò maledetta!»
. . . . . . . . .
Ne lo stanzone a piantereno, accanto
ar camino, che manna
40sprazzi de luce sull'ammattonato,
c'è 'na vecchietta tutta freddolosa...
Nun pare, eppuro è proprio lei: Zi' Rosa.
Zi' Rosa, ch'er gran pianto
che in anno ha sverzato
45la fa sembrà più vecchia de dieci anni.

Sente bussà a la porta sgangherata,
e' rosario je trema tra la mano,
sa d'esse sola, la famija è annata
quer giorno a lavorà tanto lontano
50co 'na voce che pare d'ammalata
sospira tra le labbra piano, piano
«Se fusse Nannarella, Maria Santa!»
E a 'sto pensiero trema tutta quanta...

S'opre la porta... È Nannarella! È lei
55la fija che credeva già perduta!
È vestita de bianco
e sur visetto stanco
su quela bocca impallidita e muta
ce so' l'impronte d'un dolore granne...
60Zi' Rosa vede tutto, soffocata
dar pianto opre le braccia... Ha perdonato!
Ha già scordato tutta
l'infamia della fija...
Nannarella tremanno ce se butta
65e suggella er perdono su la bocca!...

Stanno lì strette, strette, abbracciate...
Mentre er foco tranquillo dorcemente
illumina la rocca,
pe' filà, de Zi' Rosa, e la mantija
70bianca de Nannarella...
. . . . . . . . .