Rime (Stampa)/Rime d'amore/CCVII

Rime d'amore

CCVII

../CCVI ../CCVIII IncludiIntestazione 22 settembre 2009 75% Poesie

Rime d'amore - CCVI Rime d'amore - CCVIII

[p. 112 modifica]

CCVII

Libera dal primo amore, cerca un affetto piú temprato.

     Poi che m’hai resa, Amor, la libertade,
mantienimi in questo dolce e lieto stato,
sí che ’l mio cor sia mio, sí come è stato
ne la mia prima giovenil etade;
     o, se pur vuoi che dietro a le tue strade,
amando, segua il mio costume usato,
fa’ ch’io arda di foco piú temprato,
e che, s’io ardo, altrui n’abbia pietade;
     perché mi par veder, a certi segni,
che ordisci novi lacci e nove faci,
e di ritrarmi al giogo tuo t’ingegni.
     Serbami, Amor, in queste brevi paci,
Amor, che contra me superbo regni.
Amor, che nel mio mal sol ti compiaci.