Apri il menu principale

Rime (Cavalcanti)/Le Rime di Guido Cavalcanti/Le rime di epoca incerta/Posso de gli occhi miei novella dire

Posso de gli occhi miei novella dire

../Ciascuna fresca e dolce fontanella ../Veggio ne gli occhi de la donna mia IncludiIntestazione 8 maggio 2019 100% Da definire

Guido Cavalcanti - Rime (XIII secolo)
Posso de gli occhi miei novella dire
Le Rime di Guido Cavalcanti - Ciascuna fresca e dolce fontanella Le Rime di Guido Cavalcanti - Veggio ne gli occhi de la donna mia
[p. 154 modifica]

Ballata.1


Posso de gli occhi miei novella dire,
     la quale è tale che piace sì al core,
     3che di dolcezza ne sospir’ amore.

Questo novo plager, che ’l mio cor sente,
     fu tratto sol d’una donna veduta,
     la quale è sì gentile ed avenente
     e tanto adorna, che ’l cor la saluta.
     Non è la sua beltate canosciuta
     da gente vile; chè lo suo colore
     10chiama intelletto di troppo valore.

Io veggio che ne gli occhi suoi risplende
     una vertù d’amor tanto gentile
     ch’ogni dolce piacer vi si comprende.
     E move allora un’anima gentile,
     respetto de la quale ogn’altra è vile:
     e non si po’ di lei giudicar fore
     17altro che dir: - questo è novo splendore. -

[p. 155 modifica]

Va, ballatetta. e la mia donna trova
     e tanto li domanda di merzede,
     che gli occhi di pietà verso te mova
     per quei che ’n lei à tutta la sua fede:
     e s’ella questa grazia ti concede
     mandi una voce d’allegrezza fore
     24che mostri quella che t’à fatto onore.

  1. Ca solo primario e suoi seguaci.