Apri il menu principale
Regno d'Italia

1873 R diritto diritto R.D. 20 agosto 1873, n. 1537 Intestazione 9 maggio 2013 75% Da definire

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
G.U. di pubblicazione: 5 settembre 1873, n. 245




VITTORIO EMANUELE II

PER GRAZIA DI DIO E PER VOLONTÀ DELLA NAZIONE

RE D’ITALIA


Sulla proposta del Nostro Ministro Segretario di Stato per gli affari dell’Interno;

Viste le deliberazioni dei Consigli comunali di Chioso Porta Regale, Chioso Porta Cremonese e Bottedo, in date 25 febbraio, 27 marzo, 14 aprile, 9 novembre 1869, 13 gennaio 1867 e 6 e 8 luglio 1873;

Vista la deliberazione del Consiglio provinciale di Milano, in data 29 marzo 1870;

Visti gli articoli 13 e 14 della legge comunale e provinciale, in data 20 marzo 1865, allegato A;

Vista la legge 18 agosto 1870, n. 5815;

Udito il parere del Consiglio di Stato;

Abbiamo decretato e decretiamo:

Art. 1.

A datare dal 1° gennaio 1874 i comuni di Chioso Porta Regale, Chioso Porta Cremonese e Bottedo, nella provincia di Milano, formeranno un solo comune, con la denominazione di Chiosi-Uniti, e con separazione delle rendite e passività patrimoniali e delle spese di che nel 3° § dell’art. 13 della legge comunale del comune di Bottedo.

Art. 2.

Fino alla costituzione del novello Consiglio comunale di Chiosi-Uniti, cui si procederà a cura del prefetto della provincia, entro il mese di dicembre 1873, in base alle attuali liste elettorali amministrative debitamente riformate, a forma di legge, le attuali rappresentanze dei tre comuni continueranno nell’esercizio delle loro attribuzioni, astenendosi però dal prendere deliberazioni che possano vincolare l’azione del futuro Consiglio.

Ordiniamo che il presente decreto, munito del sigillo dello Stato, sia inserto nella Raccolta ufficiale delle leggi e dei decreti del Regno d’Italia, mandando a chiunque spetti di osservarlo e di farlo osservare.

Dato a Valsavaranche, addì 20 agosto 1873.

VITTORIO EMANUELE

G. CANTELLI.