Apri il menu principale

Questa, che miri di cadere in atto

Orazio Pedrocchi

Q Indice:Zappi, Maratti - Rime I.pdf Sonetti Letteratura Questa, che miri di cadere in atto Intestazione 16 giugno 2018 75% Da definire

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT


Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta Sonetti d'alcuni arcadi più celebri/Orazio Petrochi


[p. 335 modifica]

II1


Questa, che miri di cadere in atto,
     Già da tremendo fulmine percossa,
     Tomba è di quello che fè l’onda rossa
     Da’ suoi destrieri per l’arena tratto.
5E mal per lui s’era mancato al parto
     Del sommo Giove; ma d’Amor commossa
     Potè Diana (e che v’ha, che Amor non possa?)
     Qui trarlo salvo con pietoso ratto
Finchè cedendo nuovamente al Fato,
     10In questa poi raccolse Urna funesta
     Le smorte membra del suo Virbio amato:
Ma Giove alfin, cui nulla ascoso resta,
     Contra dell’Urna de’ suoi strali armaio
     Ne atterrò parte, e vi riman sol questa.

Note

  1. Sepolcro d’Ippolito.