Apri il menu principale

Questa, che l'Uomo in sè racchiude e vanta

Antonio Estense Mosti

Q Indice:Zappi, Maratti - Rime I.pdf Sonetti Letteratura Questa, che l’Uomo in sè racchiude e vanta Intestazione 30 dicembre 2018 75% Da definire

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT


Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta Sonetti d'alcuni arcadi più celebri/Antonio Estense Mosti


[p. 296 modifica]

I


Questa, che l’Uomo in sè racchiude e vanta
     Ragion feroce, ch’ogni vizio atterra,
     Lo sai mio cuor, lo sai come si ammanta
     Di finta forza, e in sè viltade serra
5Come a i danni talor d’annosa pianta
     Se i suoi torbidi fiati Euro disserra,
     Mentre regge per l’aria, ei porta guerra
     Ai rami sì, ma il tronco altier non schianta.
Così Ragion dentro agli umani petti
     10Fiera guerra mortale a i sensi indice,
     Ed allo stuol dei rei servili affetti.
Poi tardi giunta alla fatal pendice,
     Scuote i deboli rami, e giovanetti;
     Ma l’antica non svelle alta radice.