Apri il menu principale

Quant'è ch'io sospirava, e che piangea

Niccolò Forteguerri

Q Indice:Zappi, Maratti - Rime I.pdf Sonetti Letteratura Quant’è ch’io sospirava, e che piangea, Intestazione 25 febbraio 2018 75% Da definire

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT


Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta Sonetti d'alcuni arcadi più celebri/Niccolò Forteguerri


[p. 184 modifica]

III


Quant’è ch’io sospirava, e che piangea,
     Per far latino il mio sermon toscano,
     Ed ora l’una, ed ora l’altra mano
     Tremante a dura sferza, ahimè!, stendea?
5Quant’è ch’ora vincea, ed or perdea
     Co’ miei Compagni al corso, e per lo vano
     Aer lieve spingea globo lontano,
     E ’l sudor dalla fronte io mi tergea?
Quant’è ch’all’apparir d’Aprile e Maggio
     10Prendeva in man le varie di colore
     Vaghe farfalle, e lor faceva oltraggio?
Sono otto lustri, e pur mi sembran ore.
     Oh come dell’età presto è il viaggio!
     Uom nasce appena, che s’invecchia, e muore.