Apri il menu principale

Preghiera (Quinzani)

Stefana Quinzani

1605 P cristianesimo cristianesimo Preghiera Intestazione 19 luglio 2013 75% cristianesimo

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT

Dico mia colpa della grandissima mia ingratitudine verso la vostra divina maestà, la quale eternamente mi preordinò nella mente sua creatura umana, e nel tempo poi debito mi produsse.

Dico mia colpa della conservazione nel ventre materno, che ne sono ingrata; così del beneficio del battesimo e del libero arbitrio conservatomi, che non abbia tante volte acconsentito al peccato.

Dico mia colpa della ingratitudine della redenzione mia, nella quale e la divinitade e l'umanitade venne disprezzata.

Dico mia colpa dell'ingratitudine della custodia angelica, la quale spesse volte mi avete fatta vedere, eziandio corporalmente.

Dico mia colpa della mia tanta ingratitudine per gl'infiniti doni e grazie, che mi avete sopra ogni mio merito conceduti, della cognizione della vostra maestà, della familiarità coi santi e della communicazione dei dolori della tua passione, Signor mio.

Ancora vi adimando che mentre starò in questa vita, io non sia conosciuta: ma poi che il corpo sarà nella sepoltura, e l'anima appreso di voi, anco all'ora sia fatta la volontà vostra sopra di me.


Note

Pubblicata nel 1605, nella biografia di S.Razzi.