Poichè l'emula immago alfin compita

Antonio Caraccio

P Indice:Zappi, Maratti - Rime I.pdf Sonetti Letteratura Poichè l'emula immago alfin compita Intestazione 14 settembre 2017 75% Da definire

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT


Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta Sonetti d'alcuni arcadi più celebri/Antonio Caraccio


[p. 89 modifica]

I1


Poichè l’emula immago alfin compita
     Carlo ne offrì della silvestre Diva;
     E si vedea dipinta nò, ma viva
     La tela, che il pennello ha colorita:
5Colei, che della frale umana vita
     Gli stami avvolge,e lor filando avviva,
     Gettò le rocche, e dispettosa, e schiva
     Per tutto il Ciel fu querelarsi udita.
Deh, Giove, deh! dell’animar si cessi
     10Più le lane quassù scorger tu dei,
     Ch’anima han colaggiuso i lini stessi
Giove rispose sorridendo a lei:
     Cessi timor, ch’a far le vite elessi,
     Sol per gli uomini voi, lui, per gli Dei.

Note

  1. Per il quadro di Diana dipinto dal Sig. Carlo Maratti